Skip to content

Targeting per segmenti di pubblico in-market di Google Ads: Guida Aggiornata

Con questo articolo intendo iniziare un percorso sui segmenti di pubblico e il targeting in Google Ads.
Tieni a mente che utilizzerò le formule “segmenti di pubblico”, “pubblico”, “audience” come sinonimi.
La piattaforma Google Ads in italiano, comunque, utilizza la dicitura “segmenti di pubblico”.

E nello specifico oggi parleremo del targeting per segmenti di pubblico in-market di Google Ads, di cui riporto subito la definizione ufficiale:

Il targeting in-market (noto anche come “marketing basato su categorie di interessi”) è utile per gli inserzionisti che vogliono aumentare l’awareness e la considerazione negli utenti intenzionati ad acquistare un determinato tipo di bene o servizio.

Display & Video 360 offre elenchi dei segmenti di pubblico in-market gratuiti che puoi aggiungere al targeting per pubblico per raggiungere le persone in base al loro interesse all’acquisto di un tipo di prodotto mentre sfogliano pagine sul Web.


Fonte: Google stesso qui

Segmenti di pubblico in-market: il video

Pubblico in-market e targeting ad Osservazione

Sfruttare il pubblico in-market è un ottimo metodo per intercettare più probabilmente consumatori che stanno attivamente ricercando o confrontando prodotti e servizi attraverso il web.

Questi segmenti di pubblico in-market danno il loro meglio con il targeting ad “Osservazione”nelle campagne di Ricerca: applica questo pubblico alla tua campagna e aumenta l’offerta per quella porzione di persone in-market.

Ovvero, continua pure con la solita campagna strutturata su keyword, ma con questo trucchetto potrai aumentare il cpc massimo per colpire chi non solo sta cercando in questo preciso momento quella specifica parola chiave, ma scenderai in profondità con chi ha anche mostrato quella propensione in tempi recenti, finendo tra il pubblico in-market di Google Ads.

Come fa Google a stabilire chi fa parte di quale audience in-market?

Posto che non sono sotto contratto con Google (e che probabilmente solo ai piani alti conoscono queste cose), è probabile che per qualificare qualcuno come in-market per un prodotto o servizio specifico, Google tenga conto dei clic sugli annunci correlati e delle successive conversioni, insieme al contenuto dei siti e delle pagine che visitano, alla freschezza e frequenza delle ricerche.
In questo modo, Google classifica accuratamente gli utenti in modo che tu possa scegliere come target quelli più interessati alle tue offerte.

In conclusione quali sono i vantaggi di lavorare con le audience in-market?

In altre parole?
Quando il signor Carlo Rossi cerca informazioni sui tagliaerba e magari inizia a controllare vari prezzi e offerte online, Google lo inserisce all’interno dell’audience di persone che – quanto meno in tempi recenti – hanno mostrato una certa sensibilità verso i tagliaerba.
Una audience “in-market”, appunto.

E cosa ne consegue?
Beh, ne consegue che:

  • se incroci il pubblico in-market con una bella campagna di ricerca mirata su keyword specifiche – come ad esempio [tagliaerba modello X ordine online] – potresti ottenere gran bei risultati
  • se crei una campagna Display o Video utilizzato un pubblico in-market, potresti davvero far crescere fortemente la notorietà del tuo prodotto o servizio tra persone orientate verso il tuo settore

Bene, spero che questo contenuto sia stato sufficientemente esaustivo.
È comunque nei miei piani continuare a parlare di audience in Google Ads, dunque continua a seguire questa sezione dedicata.
Nel frattempo, se hai domande procedi pure scrivendole nell’area commenti qui sotto.
Alla prossima!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Call Now ButtonChiamami al Numero Verde